I Piedibus a Bisceglie

 

A Bisceglie a breve partiranno i Piedibus, “allegorici” bus di alunni delle scuole primarie che raggiungono la scuola a piedi, per abbattere i livelli di inquinamento e per aumentare la sicurezza nei pressi delle scuole.


main

 

Il Piedibus nasce in Danimarca negli anni 90' proprio per trovare una soluzione alle emissioni di gas di scarico (causa di problemi respiratori e allergie nei bambini) e lentamente si diffonde come buona prassi in tutta Europa giungendo finalmente oggi anche a noi. I bambini percorrono il tragitto casa-scuola a piedi, accompagnati da un adulto “pilota” e uno “controllore”, proprio come se fossero un vero bus, attendendo l'arrivo della carovana alla “fermata” più vicina e “salendo” sul Piedibus.

Il progetto, che coinvolgerà il secondo, il terzo e il quarto circolo didattico, mira a inserire tra le famiglie una nuova consapevolezza, quella che ognuno è in prima persona responsabile dell'aria che respiriamo e della sicurezza delle strade dei nostri bambini, ragione per cui tutti insieme possiamo gestire autonomamente la qualità della nostra città e della nostra salute: tanti genitori insieme per il bene comune. La scuola primaria è da sempre sensibile al tema della sicurezza stradale e dell'ambiente e le scuole biscegliesi hanno da sempre organizzato attività sull'educazione stradale; lo stesso Piedibus ha avuto già successo negli anni scorsi presso il secondo circolo “Prof. V. Caputi” ed oggi è gioiosamente atteso il suo ritorno da parte dei bambini.

La differenza quest'anno sta nella portata dell'intervento che coinvolgerà ben tre circoli didattici contemporaneamente e nell'intento, indicato dalla Regione Puglia e accolto dall'amministrazione comunale di Bisceglie, di rendere il servizio Piedibus permanente. Il Piedibus è un'azione che coinvolge la cittadinanza, restituendole il potere di autodeterminare il livello di sicurezza delle proprie strade e la salubrità della propria aria; infatti l'intero progetto vive in funzione della partecipazione cittadina. Si tratta di una grande opportunità per Bisceglie per sentirsi parte di una comunità, far fare attività fisica ai propri bambini e permettere loro maggiore autonomia e voglia di diventare grandi. Il progetto, finanziato dalla Regione Puglia per un totale di 12.000 euro (3.000 euro a scuola), vede partecipare anche il Liceo “L. Da Vinci” in qualità di scuola a sostegno delle azioni di promozione della mobilità sostenibile e della realizzazione dei Piedibus. Per il Liceo è prevista infatti la realizzazione di uno speciale corso in Mobility Management, tenuto dal dott. Antonio Consiglio, che formerà un gruppo di giovani esperti di promozione della mobilità sostenibile, che sarà in grado di aiutare nell'organizzazione concreta dei Piedibus.


Il buon esito dell'intero programma sarà anche funzione della preziosa collaborazione dell'amministrazione comunale, che giovedì 17 gennaio ha disposto l'incontro tra il Sindaco, le scuole e le associazioni al fine di sostenere concretamente le azioni per rendere il Piedibus un'azione permanente nella città di Bisceglie e per aumentare la sicurezza del percorso casa-scuola dei bambini delle scuole primarie. Tutto il lavoro previsto è possibile anche grazie alla preziosa collaborazione di Biciliæ, associazione promotrice della mobilità sostenibile, ZonaEffe, gestore del Centro di Educazione Ambientale, e del Centro di psicologia Mente Interattiva.


powered by KF Informatica di Marino Di Clemente