Come creare creatività nei bambini

Creare creatività! Suggerimenti per insegnanti e genitori

Come permettere a insegnanti, educatori e genitori di stimolare bambini e ragazzi, mettendoli nelle condizioni di sperimentarsi come esseri in grado di "creare" qualcosa di originale?


Ecco 3 ingredienti che potrebbero aiutarci a "creare creatività":


1. Originalità

E' una qualità difficile da definire, possiamo provarci parlando di pensiero divergente, ossia quella modo di pensare che tende a differenziarsi (divergere) dalle modalità più conosciute o diffuse, che a volte si scoprono essere limitate e vincolanti. Molti teoremi e principi matematici sono stati "scoperti" (sarebbe meglio dire inventati) proprio in questo modo, basti pensare a certe dimostrazioni matematiche fatte "per assurdo", appunto.


2. Equilibrio fra ordine e disordine (degli spazi, di una scrivania, di un armadietto, ecc...)

se il "giusto sta nel mezzo", è plausibile pensare che per promuovere un atteggiamento "creativo" in qualcuno si debbano permettere esplorazioni disordinate e destrutturate, consentendo a chi ci prova di "sporcarsi le mani". Il tutto senza ovviamente esagerare, dato che ci vuole un minimo di struttura e organizzazione per procedere in qualsiasi attività. Evitiamo quindi di imporre l'ordine e l'organizzazione (negli spazi e nelle attività) come "valore supremo" o principio assoluto.


3. Spontaneità

Consideriamo gli schemi interattivi (i modi in cui le persone interagiscono fra loro) che si mettono in campo con l'obiettivo di favorire la "creatività": pur essendo difficile definirla, è possibile però vederla come un atto produttivo di tipo spontaneo, e quindi impossibile da agire nel momento in cui ci viene imposto, ordinato, o comunque gestito attraverso tempi, regole e schemi troppo rigidi.  E' infatti importantissimo essere consapevoli che con i nostri atteggiamenti e le nostre azioni possiamo mandare dei messaggi all'altro, creando delle "cornici" alle situazioni che viviamo. Molto difficile sarà quindi imporre o indurre un atteggiamento creativo, che invece, per svilupparsi, ha bisogno di essere esercitato in modo libero, ed in un contesto accettante e non giudicante.

Esiste quindi un modo per "insegnare la creatività", o è una qualità innata? Se come Plutarco molti anni fa vediamo l'insegnamento "non come il riempire un sacco, ma come l'accendere un fuoco", la creatività si può sicuramente stimolare e accrescere. Credo che pensarla come qualcosa che "o c'è, o non c'è" non aiuta chi la vorrebbe insegnare, e svilisce chi la dovrebbe imparare.


Dr. Daniele Boscaro

 

 

 


powered by KF Informatica di Marino Di Clemente