Dipendenza affettiva

“Quando si ama a tal punto da stare male, quando si accetta qualunque cosa fino a giustificare anche ciò che non ci va o non ci piace della relazione, quando stare con il proprio compagno/a mette a rischio il proprio benessere, la propria salute e la propria sicurezza.”


Quando si parla di dipendenza affettiva, chiamata anche love addiction, si fa riferimento ad una relazione disfunzionale nei confronti di una persona con la quale si mantiene una relazione affettiva, e che nella maggior parte dei casi risulta essere il proprio partner. Questo tipo di relazione mette in gioco tutta una serie emozioni come la paura, il senso di colpa, l'angoscia e il senso di abbandono che rendono molto difficile sopportare il proseguimento della relazione ma allo stesso tempo risulta altrettanto difficile l'interruzione della stessa relazione. Si parla quindi di dipendenza affettiva anche quando si ha difficoltà a prendere le distanze da una relazione che sia diventata in qualche modo pericolosa.

Ogni relazione affettiva lega due persone, crea una specie di "dipendenza reciproca", utile all’instaurarsi del rapporto basato sul sostegno, il conforto, l' empatia e lo scambio. Di solito si inizia a parlare di dipendenza affettiva quando la relazione e i suoi vincoli diventano invalidanti, umilianti o dannosi per una della due persone della coppia.

"Ogni volta mi ripromettevo che l'avrei lasciato, che non meritavo di essere trattata così di soffrire così; ma poi alla fine, ogni volta non ci riuscivo. Mentre lo guardavo negli occhi mi dicevo che sarebbe cambiato che dovevo solo avere un pò di pazienza, che forse il suo comportamento è stata solo la conseguenza di qualcosa che ho fatto o detto. Ma nell'istante stesso in cui me lo dicevo sapevo che non era vero."

La relazione disfunzionale è spesso mantenuta e alimentata da pensieri, emozioni e sentimenti che possono creare circoli viziosi dai quali è difficile uscire senza il supporto di qualcuno. Sicuramente in queste situazioni un valido aiuto può arrivare da qualcuno che non è implicato direttamente nella relazione, una "terza persona" esterna che possa aiutare a far luce sulle strade che la relazione sta prendendo, e possa quindi aiutare a capire come riprendere in mano la situazione o se è il caso, come affrontare un possibile allontanamento.


powered by KF Informatica di Marino Di Clemente