Ansia

Chi non ha avuto, anche solo per un breve periodo, una sottile preoccupazione o un leggero timore che non ci abbandonava? Infatti, è molto frequente sentirsi in apprensione per un evento futuro di cui non si possono controllare gli esiti, oppure provare una leggera sensazione di pericolo riferita ad alcune persone, ad alcuni eventi o ad alcune circostanze.

Questa sottili sensazioni di allarme e di apprensione possono essere positive per affrontare con la giusta attenzione le difficoltà che alcune circostanze ci presentano. Ma quando le ragioni dell’inquietudine durano da troppo tempo, oppure quando lo stato di preoccupazione inizia a coinvolgere diversi aspetti della nostra vita, allora probabilmente stiamo parlando di ansia.

Come ogni emozione, sensazione e stato di coscienza, l’ansia si manifesta nella mente così come nel corpo, per cui alla sensazione di timore e vigilanza si associano segni e sintomi fisici come una maggiore attivazione fisiologica vegetativa, sintomi toracici e addominali.

Spesso accade che i sintomi fisici perdurino nel tempo; a volte si fa finta di non preoccuparsene, altre volte si ricorre ai farmaci e può capitare di convivere per molti anni insieme a terapie autosomministrate ‘al bisogno’. I farmaci sono di norma  efficaci eppure sono molte le persone che affermano di far uso dei farmaci come palliativo o solo per darsi un po’ di sicurezza, riconoscendo l’origine psicologica del disturbo.

Oggi un sostegno psicologico o l’uso di alcune semplici tecniche di rilassamento possono aiutare efficacemente nell’affrontare l’ansia e i suoi sintomi.


powered by KF Informatica di Marino Di Clemente